Come scoprire se quello che stai facendo ti piace davvero
Lavorare con passione

Indice

L’Affiliate Marketing fa per te? È davvero il lavoro che vuoi fare nella tua vita?

Ho sempre pensato che se un uomo fa quello che gli piace fare, lo fa bene! Quando si parla però di lavoro, il lavoro della propria vita, ci si tende ad accontentarsi e a fare quel che “passa il convento“. Durante il mio percorso ho conosciuto tanti professionisti e il dato che li accomuna è la passione per quello che fanno. Ognuno di loro fa il proprio lavoro con piacere e, inevitabilmente, ottiene risultati eccezionali. Qualcuno potrebbe dire: “beh, certo. Beati loro (beati voi tutti)! Fate un lavoro che vi piace. Anche io se…” Il vero punto è quel “se“. Tutti quelli che ho conosciuto, me compreso, per fare nella vita quello che ci piace, abbiamo lottato contro tutto e tutti. Abbiamo fatto dei sacrifici enormi, siamo andati contro gli standard societari e dopo tante sofferenze abbiamo cominciato a raccogliere risultati. Io stesso ho abbandonato la carriera sicura da Consulente Analista Programmatore a Milano per tornare in Basilicata a “giocare” con il web, mia mamma presentava il mio Curriculum (ansiosa e preoccupata) ai vari centri di formazione per farmi insegnare ai moduli di ECDL (se solo penso che avrei potuto fare la fine del docente dei moduli ECDL rabbrividisco), questi Centri mi chiamavano per un colloquio e io rifiutavo. Agli occhi del mondo ero (e lo sono tutt’ora) l’ALIENO! Ma dopo 3 lunghi anni di sacrifici ci fu la prima svolta, dopo altri 4 quella definitiva e oggi son qui a parlare di Affiliate Marketing perchè è il mio lavoro a tempo pieno ormai da anni e offro lavoro ad altre persone. Lo scopo di questo articolo però non è raccontarti la mia storia, bensì dirti che per raggiungere un sogno devi lottare e non devi aspettare che accada, devi muoverti. Devi prendere delle decisioni, sbagliare e ricominciare. L’atto dello sbagliare e ricominciare è sempre duro ma se lo si fa in un contesto di “piacere” è meno duro.
  • Giochi a calcio, perdi. Pensi già alla rivincita.
  • Vai a pesca, fai cappotto. Pensi già alla prossima volta che andrai a pesca.
  • (per le donne) Vai a fare shopping, non trovi la tua taglia. Pensi già a un capo alternativo.
Vedi quanto è semplice ricominciare quando c’è in gioco qualcosa che ti piace fare? Ora invece guardiamo la ripartenza per le necessità:
  • Vai in pizzeria, la pizza è finita. Cerchi un’altra pizzeria o soluzione.
  • Vai in bagno, la carta igienica è finita. Trovi un’altra soluzione (ognuno ha la propria… non scendo nei dettagli).
  • Devi fare 300km, hai finito la benzina. Ti rechi ad un distributore e metti la benzina.
Ricominciare in caso di necessità è quasi automatico, anzi sai già quello che devi fare, con chiarezza. Questo perchè rispondi ad istinto di sopravvivenza o qualcuno te lo ha insegnato. Mangiare, dormire, spostarsi, comunicare sono alla base della nostra sopravvivenza ed è di vitale importanza trovare una soluzione, quando qualcosa viene meno. E il lavoro? Il lavoro è importante, ci permette di guadagnare dei soldi e quei soldi di vivere bene. Questo è quello che ci insegnano fin da piccoli e per questo motivo vediamo tante persone che fanno un lavoro che non gli piace ma il venerdì e sabato sera escono a bere con gli amici, Natale, Pasqua e ferragosto è d’obbligo fare una vacanza (i più fortunati riescono a fare la tripletta, chi meno una delle 3) e, questa è la cosa più brutta, regolare la propria vita e necessità rispetto al posto di lavoro. Questo modo di ragionare crea dei “criceti sociali“, gente che fa sempre la stessa cosa, anno dopo anno, che sopravvive e si diverte solo quando è in vacanza. Solo quando può! Per alcuni, questo scenario è il massimo che si possa desiderare dalla vita, auguro a chi sogna questo che si possa realizzare ma se invece la tua quotidianità fosse diversa? E se facessi un lavoro che ti piace davvero fare? Non voglio dire che l’Affiliate Marketing sia la soluzione (anche se come abbiamo potuto vedere in questo articolo, è molto facilitante) ma pensa questo, per esempio, da quando eri piccolo sognavi di fare le fotocopie. Fare una valanga di fotocopie al giorno ti renderebbe soddisfatto, ti recheresti al lavoro felice, saresti felice del tuo lavoro e le vacanze sarebbero solo un di più. Lo so che fare le fotocopie è un esempio poco credibile ma immedesimiamoci. Quindi sarebbe auspicabile per tutti fare sempre quello che ci piace fare.  

Come faccio a sapere se una cosa mi piace o non mi piace? Semplice. Dipende da come vivi l’attesa di quello che stai per fare.

Ti ricordi quando ti sei innamorato per la prima volta? Come ti batteva il cuore al solo pensiero che avresti incontrato la persona che ti piaceva di più di tutte sulla faccia della terra?
L’attesa del piacere è essa stessa il piacere – [Gotthold Ephraim Lessing]
Da come vivi l’attesa capisci se stai per fare qualcosa che ti piace, sia esso un amore o la pasta al forno della nonna la domenica. Sia essa la rivincita a calcio o far partire una nuova campagna promozionale attendendo i primi risultati. Quando i risultati superano l’aspettativa (dell’attesa) scatta la Felicità. Se non corrispondono all’attesa, scatta la “rivincita” (ripartenza). Tra gli elementi fondamentali della vita di un uomo c’è il tempo. Il tempo è il bene più prezioso che abbiamo, trascorriamolo facendo le cose che ci piace fare, non possiamo ingannarlo, forse, se legati ad un destino, non possiamo aumentarlo o diminuirlo. Quello che possiamo fare è trascorrerlo in maniera Felice. Non sarà sempre Felice, anche se ci impegniamo a fare in modo che lo sia, ma possiamo essere appassionati a fare quello che stiamo facendo e ripartire con meno fatica. Il lavoro più grande di ogni uomo è ricominciare. Buon lavoro.

6 risposte

  1. Ciao Giannicola

    io ho la passione della lettura/formazione settore Self Help e dell’internet marketing.
    Non capisco come potrei trasferire queste passioni a livello di Affiliate Marketing.
    Per esempio noto che blog di recensioni libri ve ne siano anche troppi e dubito che monetizzino più di tanto.
    Tu che ne pensi?

  2. Ciao Peter, se dovessimo pensare alla saturazione di quasi tutte le nicchie di mercato non faremmo granchè, ma l’elemento più importante è la “passione”. Mi spiego meglio, se io sono un appassionato a una cosa (per esempio libri) è vero che avrò a disposizione di tante informazioni, tutte quelle che mi servono, magari su più siti ma da utente gradirei avere tutte queste informazioni su un unico sito e magari avere info aggiuntive che solo un “appassionato al settore” può darmi. Se invece devo fare l’ennesimo Blog, non ne vale la pena… ci sono già altri che lo fanno 😉

  3. Ciao Giannicola

    consigliresti l’affiliazione anche di infoprodotti?
    Ritieni che sia un settore valido relativamente all’affiliation marketing?

    P.S. Ho scaricato la guida, ma non mi arrivano le newsletter. Come mai?

  4. Ciao Peter, consiglio l’affiliazione di infoprodotti validi! (davvero utili per l’utente).
    Non stressiamo i nostri utenti con molte comunicazioni 😉 invieremo solo info interessanti.

  5. Ciao Giannicola

    sono sempre io, ho acquistato Affiliate Pro, sto aspettando, con curiosità, che arrivi il libro che hai scritto.
    Per caso nel libro vi è inserita qualche metodo più specifico per trovare la giusta nicchia?

    A proposito, essendo la mia passione proprio l’Internet Marketing su quali network di affiliazione consiglierei di concentrarsi all’inizio?

    1. Ciao Peter, si nel libro ci sono info più specifiche mentre per quanto riguarda i network di affiliazione troverai tante info nelle Guide di AffiliatePRO™ livello START. A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati