Guadagnare con le proprie passioni
affiliate marketing

Indice

L’affiliate marketing è un ramo del Marketing che permette di guadagnare con le proprie passioni.

Questa, secondo me, è una delle definizioni più belle e più vera che indica cos’è davvero l’affiliate marketing.

Lavorare facendo ciò che più ci piace è il sogno di qualsiasi essere umano, solo che ultimamente abbiamo perso questa speranza in quanto è già difficile trovare un lavoro, figuriamoci a trovarlo in base a ciò che ci piace fare.

Il primo errore che commettiamo è quello di CERCARE un lavoro!

Attenzione, non voglio dire che cercare un lavoro sia sbagliato, ma trovare un lavoro è già per se un’impresa quasi impossibile, trovarlo in un settore o nicchia in cui si è più portati o dove possiamo esprimere le proprie passioni diventa IMPOSSIBILE.

Quindi l’azione più ragionevole da fare non è cercare un lavoro ma CREARLO!

So che come concetto potrebbe sembrare astratto e so anche che molti procacciatori di venditori ti hanno già detto questa frase e so che per la maggior parte delle persone è più semplice cercare un lavoro (e non trovarlo) anzichè lottare per crearselo, ora tutto dipende da che persona sei, se sei più simile a chi si vuole accontentare o lamentarsi oppure prendere in mano la propria vita e creare qualcosa per se stessi, utilizzando le proprie passioni.

Come si fa a guadagnare con le proprie passioni?

Il primo passo è: INDIVIDUARE LE PROPRIE PASSIONI. Solo chi è realmente appassionato a qualcosa può dire “Amo XXXXX, cascasse il mondo io faccio/vado a XXXX!” – sostituisci “XXXX” con quello che ti piace e vedi se ti ritrovi con la frase che ho scritto. Altrimenti devi prima trovare ciò che più ti appassiona. Sembra stupido ma ci sono molte persone che non sanno più quali siano le proprie passioni, hanno perso quello “sguardo” da ragazzo/a che li faceva sognare perchè si aveva tutta la vita davanti, ridotti dal senso di urgenza della vita (pagamenti di bollette, mutuo, rette scolastiche dei figli, ecc.) queste passioni sono state soffocate dalle urgenze. Poi ci sono anche quelle persone che hanno più passioni e non una nello specifico, queste sono pericolose perchè fanno tutto e non fanno nulla!

Quindi è necessario individuare una passione. Può essere viaggiare, mangiare, giocare a scacchi, andare a pesca, giocare a beach volley persino DORMIRE! Può essere tutto quello che ti pare, basta che ti piace farlo e lo sai fare bene.

“Ok, suona bene. Mi piace fare quello che mi piace!”

Questo però non basta, individuata la passione è necessaria trasformarla in lavoro. Per rendere la propria passione è necessario creare contenuti: siano essi video, audio, testi … utili ad altre persone che hanno bisogno di alcune informazioni. Meglio ancora se attraverso i contenuti, che creeremo, risolviamo un problema. Più il problema è diffuso più è utile una soluzione!

Generalmente chi ha un problema, riguardo a qualcosa cerca su Google. Per esempio AffiliatePRO potrebbe comparire a tutte quelle persone che cercano su Google “come guadagnare con le affiliazioni” e grazie ai contenuti offerti riusciamo a fornire le informazioni adatte.

Questo passaggio porterà l’utente sul sito web o blog ma per guadagnare è necessario fornirli prodotti/servizi utili alla risoluzione del problema.

In questo passaggio l’Affiliate Marketing gioca un ruolo fondamentale perchè grazie alle tante campagne promozionali possiamo coprire più nicchie e più categorie merceologice e, allo stesso tempo, offrire una soluzione utile al nostro visitatore.

Si innesca un sistema “win-win” dove tutti vincono, mi spiego meglio: l’utente, grazie al prodotto/servizio risolve il suo problema, il gestore del sito o blog(Affiliato) guadagna e chi offre il prodotto/servizio (Advertiser) ha venduto. Tutti hanno guadagnato.

Detto così sembra facile ma non lo è affatto, è necessario avere delle competenze di base per poter intraprendere questo lavoro ma è necessario:

  • Intercettare la nicchia giusta: saper identificare e risolvere un problema.
  • Analizzare il mercato e osservare le abitudini degli utenti.
  • Creare un Blog: quindi acquistare un dominio, saper configurare WordPress, scegliere un template, scrivere dei contenuti e saper posizionare i contenuti sui motori di ricerca (SEO)
  • Creare una Community: utilizzando i Social Network e creando una base di iscritti ad una newsletter interna.
  • Cercare e valutare le campagne promozionali (o programmi di affiliazione) adatte ai propri utenti.
  • Analizzare e ottimizzare spazi e contenuti.
  • Intraprendere azioni di scaling e gestire al meglio il denaro.
  • Assumere una posizione fiscale corretta.
  • Cercare e utilizzare tools che automatizzino (o migliorino) alcuni processi.
  • Saper superare le difficoltà e ripartire con il piede giusto.

Queste competenze non si acquisiscono in pochi giorni e in maniera semplice, è necessario impegnarsi e cominciare a lavorare.

È possibile intraprendere questo cammino semplicemente seguendo tutti gli articoli su AffiliatePRO o su altri Blog del settore ma per trasformare le tue passioni in lavoro serio e continuativo ti suggerisco di diventare un Affiliato Professionista e di iscriverti al livello START di AffiliatePRO.

L’unico modo di fare un ottimo lavoro è amare quello che fai. Se non hai ancora trovato ciò che fa per te, continua a cercare, non fermarti, come capita per le faccende di cuore, saprai di averlo trovato non appena ce l’avrai davanti. E, come le grandi storie d’amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continua a cercare finché non lo troverai. Non accontentarti. Sii affamato. Sii folle. – [Steve Jobs]

3 risposte

  1. Ciao,
    Io ho 3 siti online dedicati a nicchie specifiche di pubblico, nel mio caso ho provato a cercare programmi di affiliazione validi su Zanox e Tradedoubler senza trovare nulla di veramente contestuale al mio target. Così ho puntato sulla classica affiliazione Adsense e Amazon che comunque presenta elementi abbastanza mirati, basati sulle parole chiave ricerca e con una più alta possibilità di CR (almeno in teoria).

    Secondo te e la tua esperienza è una strategia valida quella di “blindarsi” sul concetto dello strettamente contestuale o è meglio sperimentare nuove strade per portare l’utente a compiere azioni verso affiliazioni non strettamente contestuali ?

    Grazie

    1. Ciao Marco, Ads altamente contestualizzate è meglio oppure basta utilizzare il giusto angle 😉 però in questo caso è meglio scrivere dei publiredazionali o utilizzare text link per ads personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati